Consulenza Internazionale per la Delocalizzazione
richiesta informazioni

Ungheria - Modifiche alle imposte 2012

06/03/2012

Il 21 novembre il Parlamento ungherese ha approvato modifiche ad una serie di leggi sulla contabilità e sulle imposte.

Aliquota dell'imposta. La modifica ha abolito la disposizione precedentemente approvata di ridurre l'aliquota dell'imposta al 10% indipendentemente dalla base imponibile. Per questo motivo rimarranno in vigore l'aliquota del 19% e l'aliquota preferenziale del 10% che si applica fino ad un importo di 500 milioni di fiorini della base imponibile.

Ammortamento. Il contribuente potrà optare a favore dell'applicazione di aliquote più basse di quelle stabilite dalla legge sulle imposte sul reddito delle persone giuridiche a condizione che l'ammortamento non sia inferiore all'ammortamento consentito ai fini contabili.

Riporto di perdite. Secondo le modifiche, il ricorso al riporto di perdite sarà limitato al 50% del reddito imponibile dell'anno in questione. Ulteriori limiti saranno imposti al riporto di perdite in caso di trasformazioni di società o cambiamenti del controllo diretto o indiretto del contribuente secondo i termini del codice civile.

Nel caso dell'acquisto di una maggioranza qualificata nella società del contribuente, il riporto di perdite sarà consentito soltanto se la maggioranza degli azionisti ed il contribuente sono state senza interruzione parti correlate nei due anni precedenti, se i titoli del contribuente o della maggioranza degli azionisti sono almeno in parte quotate in borsa o se il contribuente continua a svolgere l'attività esercitata prima della cessione della quota di maggioranza per la durata di due anni successivi e se percepisce un reddito da questa attività in ambedue gli anni.
In caso di trasformazione della società, il successore giuridico potrà far ricorso alle perdite soltanto se l'azionista diretto/indiretto di maggioranza del predecessore giuridico secondo i termini del codice civile rimane l'azionista maggioritario del successore giuridico e se nei due anni successivi alla trasformazione il successore giuridico genera reddito da almeno una delle attività svolte dal predecessore giudico.

Immobilizzazioni immateriali notificate. Secondo tale concetto, in determinati casi il reddito derivante dalla vendita di royalty, che generano immobilizzazioni immateriali, saranno esenti dall'imposta sul reddito delle persone giuridiche a condizione che il contribuente notifichi l'amministrazione fiscale entro 60 giorni dalla data in cui le immobilizzazioni sono state acquistate e registrate nei libri contabili per la durata di almeno un anno. Gli utili ricavati dalla vendita di immobilizzazioni immateriali non notificate possono essere dedotti dalla base imponibile se il contribuente costituisce una riserva dedicata fino all'ammontare dell'utile ed usa questa riserva per l'acquisto di immobilizzazioni immateriali nei successivi tre anni.

<< Back
Perchè entrare nel Network International? Scopri i vantaggi
Compila il seguente modulo e ti forniremo tutte le indicazioni di cui hai bisogno.



Dati societari